Passa ai contenuti principali

Le fantasie di Edmund Phelps


Sul Wall Street Journal, l'economista Edmund Phelps firma un lungo editoriale intitolato The Fantasy of Fiscal Stimulus in cui cerca di dimostrare che le politiche fiscali espansive non sono efficaci contro una crisi economica.

Phelps accenna anche all'Italia e sostiene che proprio la dissolutezza fiscale dello Stato ha minato la fiducia del settore privato e contribuito ad impedire la ripresa del paese. Al contrario, gli Stati Uniti sarebbero usciti dalla crisi grazie ad un'endemica capacità innovativa del proprio sistema economico.

Il confronto tra il saldo del bilancio pubblico dei due paesi racconta però tutta un'altra storia. Come mostra la figura, chi ha fatto politiche espansive in deficit per affrontare la crisi del 2008 sono proprio gli Stati Uniti mentre l'Italia, al contrario, registra quasi sempre addirittura avanzi di bilancio*. 

Ns. elaborazioni su dati Ameco - Commissione europea

I dati non mostrano dunque alcuna dissolutezza fiscale per il nostro paese. Se il settore privato non investe non dipende evidentemente da spese pubbliche fuori controllo, ma da scarse aspettative di profitto in un sistema dove la domanda è carenteNegli USA lo Stato è invece intervenuto con una politica di deficit spending e ha stimolato un'economia colpita duramente dal crack del 2008, permettendo al suo sistema produttivo di crescere, assumere ed innovare. Ne abbiamo parlato in un articolo sul Recovery Act ben quattro anni fa. Oggi gli Stati Uniti sono fuori dalla crisi.

twitter: @AngelantonioVis
Articolo pubblicato su Wall Street Italia


*Tenendo conto anche della spesa pubblica per interessi l'Italia registra deficit in tutti gli anni considerati, ma si tratta ogni anno di deficit più contenuti rispetto a quelli registrati dagli Stati Uniti. Nel periodo considerato la media del saldo di bilancio è infatti -2,93% del PIL per l'Italia e -7,02% del PIL per gli Stati Uniti.

Commenti

  1. Giustissimo gli Stati Uniti come al solito si dimostrano meno dogmatici degli europei e più pragmatici, hanno studiato e imparato dalla lezione del 29 e hanno fatto deficit spending; anche se hanno salvato a spese dei contribuenti anche banchieri che non se lo meritavano, inoltre purtroppo la Dodd-Frank è ancora troppo poco rispetto al casinò finanziario creato. Bisogna anche dire che comunque gli Stati Uniti è una società dove viene premiata di più la meritocrazia e l'mprenditorialità, aumentare le spese senza modificare anche la politica industriale e le modalità di fare impresa in Italia potrebbe non essere sufficiente

    RispondiElimina

Posta un commento