Passa ai contenuti principali

L'economia italiana tra Jean Pisani-Ferry e la legge di Say



L'economista Jean Pisani-Ferry, professore all'Hertie School of Governance di Berlino, ha di recente commentato lo stallo della politica italiana in un articolo su Project Syndicate. L'economista mette in guardia sui pericoli di tale stallo e sulla fragilità della situazione dei conti pubblici del paese, ma sottolinea anche che il debito pubblico pari al 132% non è ascrivibile a recenti politiche all'insegna della finanza allegra. Citando l’autore:

"L'elevato debito pubblico italiano non è il risultato dei deficit pubblici eccessivi - per lo meno non di quelli recenti. Con l'eccezione del 2009, il bilancio primario (che esclude il pagamento degli interessi) è stato in avanzo negli ultimi 20 anni. Nessun altro paese dell'area euro può vantare una performance del genere".

Studiando i dati della nostra economia, il professore arriva alla conclusione che negli ultimi vent'anni sia stata la bassa crescita  la causa principale dell'aumento del rapporto debito pubblico - Pil e non il saldo primario del bilancio pubblico. In altre parole, il problema sta al denominatore, non al numeratore.

Per tutte queste ragioni, la ricetta non è tagliare ulteriormente la spesa pubblica, bensì stimolare la crescita economica. Per evitare di peggiorare i conti pubblici, però, l'economista non punterebbe su politiche fiscali espansive, ma su politiche dal lato dell'offerta per stimolare la produttività. Per quanto le considerazioni del professore riguardo le caratteristiche del tessuto produttivo italiano siano condivisibili, restano dei dubbi sulla presunta irrilevanza di politiche dal lato della domanda.  

Come mostra il grafico seguente, negli ultimi anni la domanda finale italiana (curva celeste) è cresciuta molto meno di quella media della zona euro (curva blu), oltre che meno di quella di economie come la Germania, la Francia o la Spagna.

A meno di non credere in discutibili teorie economiche come la Legge degli Sbocchi di Say, in Italia le politiche dal lato della domanda sembrerebbero prioritarie rispetto a quelle dal lato dell’offerta. Come insegna la Legge di Kaldor-Verdoorn, grazie ad economie di scala e processi di specializzazione, la produttività crescerà di conseguenza.

Fonte: mia elaborazione dati Ameco - Commissione europea

Articolo pubblicato su Wall Street Italia

Commenti