Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2018

Nasce ADI Benevento!

Dottorandi e dottori di ricerca dell'Università del Sannio si sono riuniti oggi per eleggere il Consiglio direttivo di ADI Benevento. Da oggi lotteremo con ADI per costruire un futuro migliore per tutti i dottorandi e ricercatori d'Italia dentro e fuori la vita accademica!

Eletti all'unanimità:
Francesco Izzo - Coordinatore Laura Bonito - Vice Coordinatore Evelina Compare - Tesoriere Vittorio Catani - Vice Tesoriere Angelantonio Viscione - Responsabile della Comunicazione

In piazza l'8 Marzo: il pane ma anche le rose

In occasione della Giornata Internazionale delle Donne il movimento femminista ha scioperato ed è sceso nelle piazze di 40 città italiane per rivendicare diritti, parità di salario, meno precarietà e conciliazione tra vita privata e lavoro. Come rileva l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, infatti, nell'area Ocse il gender wage gap è del 14%, ossia le donne guadagnano in media il 14% in meno degli uomini e, rispetto ad essi, svolgono quasi il doppio del cd. lavoro gratuito come, ad esempio, quello domestico o la cura dei figli (v. Figura seguente).

Iniziative come le manifestazioni di questo 8 marzo ci ricordano il senso della celebrazione, una giornata di memoria di tutte le lotte e le conquiste delle donne e delle lavoratrici nel corso della storia. Le marce di protesta delle lavoratrici statunitensi tenute all'inizio del Secolo scorso ed il tragico incendio nella fabbrica della Triangle Shirtwaist Company del 1911 hanno portato all'istituzio…

L'economia di Salvini e Berlusconi: mercato e disuguaglianze

Il centrodestra di Berlusconi eSalvini si presenta alle prossime elezioni politiche con il cosiddetto "Programma per l'Italia". Le loro proposte fiscali sono riconducibili a una chiara visione dell'economia: meno Stato e più mercato. Difficile commentare in poche righe tutte le proposte del centrodestra ma, in estrema sintesi, il programma ruota intorno alla riduzione generale delle tasse. Lo scopo però non è dare maggior potere d'acquisto alle famiglie, altrimenti il programma avrebbe previsto maggiore progressività fiscale. Il sistema fiscale proposto distingue invece poco o nulla tra i diversi livelli di reddito e ricchezza dei contribuenti, nonostante i livelli di disuguaglianza in Italia siano già molto elevati. Guardiamo ad esempio alle ultime rilevazioni dell'Ocse sul reddito disponibile delle famiglie italiane (ossia il reddito disponibile dopo tasse e trasferimenti). Nel 2015 ben il 39,4% del reddito disponibile spettava al 20% delle famiglie più ri…

Dati Istat: siamo sempre più precari

L'ISTAT diffonde oggi le stime sulla crescita e sull'occupazione italiana a gennaio e comunica un aumento di 0,2 punti percentuali del tasso di disoccupazione rispetto a dicembre, ma anche un contemporaneo aumento del numero delle persone che cercano lavoro. Il numero degli occupati cresce infatti dello 0,1%. La vera notizia però è che la crescita del numero degli occupati è tutta da attribuire al lavoro dipendente a termine. Si legge nel Rapporto:

"A gennaio 2018 crescono i lavoratori dipendenti (+0,3% rispetto a dicembre, pari a +54 mila), mentre calano gli indipendenti (-0,5%, -29 mila). Tra i dipendenti l’aumento è determinato esclusivamente dai lavoratori a termine (+2,3%, +66 mila) mentre calano i permanenti (-0,1%,  -12 mila)"

In altri termini, quel po' di lavoro creato è sempre più precario. Dopo anni di riforme del mercato del lavoro tese alla flessibilità (dal pacchetto Treu del 1997 fino al recente Jobs Act), il contratto di lavoro a termine si afferma…