Passa ai contenuti principali

Lo scopriremo solo votando


Si è detto e scritto molto a proposito del piano anti-spread della Bce.
La maggior parte dei media italiani ha esultato insieme ai mercati, ma sono tante anche le critiche che ha ricevuto l’OMT. La più importante, a mio parere, riguarda lo scambio intervento-austerity, perché quello che serve per uscire dalla crisi è (soprattutto) rilanciare la domanda e non certo insistere con misure depressive. La garanzia di acquisti illimitati di titoli del debito pubblico da parte della Bce serve a calmierare i tassi d’interesse che gli Stati pagano per indebitarsi e sarebbe utile usare i soldi così risparmiati per stimolare l’economia e creare posti di lavoro, aumentando la spesa pubblica (produttiva, ovviamente).
La svolta però è innegabile. È la prima volta che la Bce annuncia acquisti illimitati di titoli sovrani. Credo anch’io, come Gawronski, che questa sterzata radicale nella politica monetaria europea sia dovuta a fattori particolari: È mutato il quadro politico. Da un lato la vittoria Hollande (spesso sottovalutata), le pressioni di Obama e del G20, l’avanzata nei sondaggi delle sinistre europee, l’aggravarsi continuo della crisi”. Hollande ha giocato un ruolo fondamentale in questa partita ed ha strappato, appunto, qualche risultato. Delude e pecca di nazionalismo quando pretende un piano di riforme e tagli per 11,5 miliardi di euro in due anni in Grecia, ma il punto è che la presenza di un socialista all’Eliseo ha contribuito a cambiare la politica della Bce.
Chissà cosa cambierebbe se i tedeschi votassero per un partito come l’Spd o la Linke. Chissà cosa cambierebbe se i Piigs chiedessero di uscire dalla crisi "da sinistra", cioè con interventi pubblici nell'economia, con più democrazia e solidarietà in tutta Europa e rifiutando le soluzioni "di destra" che prevedono austerity e riduzione dei salari in nome della competitività. Chissà se l'offerta politica italiana sarà all'altezza della sfida, presentandosi alle elezioni con un Pd nettamente antiliberista (alleato con chi vi pare, ma determinato a creare una svolta) e una Sinistra unita e non di ideologica testimonianza. Lo scopriremo solo vivendo. Anzi, votando.

Commenti